Seleziona una pagina
works

Lucia Di Pietro è una coreografa e performance artist attualmente con base a Stroncone (Terni).

Ha presentato i propri progetti in festival e spazi culturali italiani ed internazionali tra cui: Espaço Alkantara 2011 (Lisbona, PT); Théâtre Le Quai, Forum des art vivants 2011 (Angers, FR); Terni Festival 2012, 2014 e 2016 (Terni); Teatro Helena Sa e Costa 2014 (Porto, PT); O espaço do tempo 2015 (Montemor o Novo, PT); (Re)Union Festival 2016 e 2018 (Lisbona, PT); DanceMovesCities 2014 (Riga, LV); Museo d’Arte Contemporanea Palazzo Riso 2016 (Palermo); Farm Cultural Park 2015 e 2016 (Favara); Festival Marosi Stromboli 2017 (Stromboli); Concerto dai Balconi 2017 (Terni); La MaMa Gallery 2018 (New York, USA); CALA Festival 2018 (Cori); Festival Smanie di Primavera 2019 (Perugia);

Lucia ha impostato la propria formazione artistica con gli studi letterari, laureandosi in Lettere Moderne all’Università di Torino.

In seguito si è diplomata nell’ambito del Programma Internazionale di ricerca e creazione coreografica ‘PEPCC’ presso l’Accademia Forum Dança di Lisbona, partner del network DÉPARTS, che unisce alcuni dei maggiori centri coreografici in Europa. Nel 2012 è stata tra i coreografi selezionati per la borsa di studio danceWeb, nel contesto del Festival ImPulsTanz, a Vienna, con la mentorship dei coreografi e registi canadesi Benoit Lachambre e Robin Poitras, entrando nel network internazionale ‘Jardin D’Europe’ (www.jardindeurope.eu/index.php?id=46).

In questi anni di formazione, Lucia ha avuto occasione di incontrare e confrontarsi con artisti come Vera Mantero, João Fiadeiro, Loic Touzé, Lisa Nelson, Mark Tompkins, Ivo Dimchev, Meg Stuart, Dries Verhoeven, Jonathan Burrows, Keith Hennessy, Marlene Monteiro Freitas e, fra gli italiani, Chiara Guidi (Societas Raffaello Sanzio), Cristina Rizzo, Motus e Caterina Poggesi (FOSCA). Questo è anche il periodo in cui intraprende il percorso come artista indipendente.

 

Nel 2014 ha fatto parte del network europeo di danza urbana Dance Moves Cities (www.dancemovescities.eu/), che seleziona 5 coreografi per le città di Terni (IT), Cracovia (PL), Porto (PT) e Riga (LV) che trasformino le proprie pratiche artistiche in creazioni per gli spazi urbani, sotto il tutoraggio di Marten Spangberg, Willie Dorner, Cristina Rizzo e la compagnia francese Project in situ. In questo contesto Lucia realizza la sua prima performance partecipativa: La Sagra di Terni.

Nel 2015 si trasferisce a Palermo, dove partecipa al collettivo di artisti Dimora Oz (www.dimoraoz.it/), e stabilisce una forte collaborazione artistica e curatoriale con il centro culturale indipendente Farm Cultural Park di Favara (www.farm-culturalpark.com/). Nel 2016, assieme alla coreografa Valentina Parlato, fonda SUDO, piattaforma per una scena emergente di arti performative e coreografiche nel Sud Italia ed Europa (fb: @sudoperformance). Nel contesto del progetto, organizza il SUDO International Performance Art Meeting, tenutosi al Farm Cutural Park nel 2016.

 

Nel 2018 il progetto Grandi Successi – durational performance ad libitum ha ottenuto una residenza artistica di un mese presso la La MaMa Gallery di New York ed è finanziato con la borsa di studio per la mobilità internazionale Movin’Up del GAI, Giovani Artisti Italiani.

 

Nel biennio 2018-2019, la sua ultima creazione La voce dei cani, creata con il tutoraggio di Alessandro Sciarroni (Leone d’oro 2019 alla Biennale di Venezia), è stata selezionata da C.U.R.A. – Centro Umbro per le Residenze Artistiche in quattro centri di produzione teatrale: La MaMa Umbria International di Spoleto, Corsia Of di Perugia, Spazio ZUT di Foligno e CAOS – Centro Arti Opificio Siri di Terni. (fb: @C.U.R.A.Centro.Umbro.Residenze.Artistiche)

 

Dal 2013 Lucia ha lavorato come interprete in progetti e produzioni di Willie Dorner (AT), Chiara Guidi / Societas Raffaello Sanzio, Public Movement (IL), Project InSitu (FR), Darren O’Donnell – Mammalian Diving Reflex (CA) e Doris Ulhich (AT). Dal 2014 collabora come coreografa ed interprete con la regista perugina Carolina Balucani.

 

Lucia è autrice indipendente nel campo della performance art e della performance partecipativa dal 2011. Alcuni dei suoi lavori sono Anatomia per bambini in 240 colori (2012); La Sagra di Terni con Edoardo Orofino (2014); Fantastic moments of Understandings con Joana Sequeira Duarte (2014); Call me, indagine sulla temporanea scomparsa (2016); La voce dei cani, Six-in-a-box (2016-2019); Grandi successi, indagine sul gesto imperfetto (2018).